Title

Lo tems vai e ven e vire
(Bernart de Ventadorn)
Lo tems vai e ven e vire
per jorns, per mes e per ans,
et eu, las!, no·n sai que dire,
c'ades es us mos talans.
Ades es us e no·s muda,
c'una·n volh e·n ai volguda,
don anc non aic jauzimen.
 Pois ela no·n pert lo rire,
a me·n ven e dols e dans,
c'a tal joc m'a faih assire
don ai lo peyor dos tans
(c'aitals amors es perduda
qu'es d'una part mantenguda),
tro que fai acordamen.
Be deuri'esser blasmaire
de me mezeis a razo,
c'anc no nasquet cel de maire
que tan servis en perdo;
e s'ela no m'en chastia,
ades doblara·lh folia,
que «Fols no tem tro que pren».
 Ja mais no serai chantaire
ni de l'escola N'Eblo,
que mos chantaes no·m val gaire
ni mas voutas ni mei so;
ni res qu'eu fassa ni dia,
no conosc que pros me sia,
ni no·i vei melhuramen.
Sitot fatz de joi parvensa,
mout ai dins lo cor irat.
Qui vid anc mais penedensa
faire denan lo pechat?
On plus la prec, plus m'es dura;
mas si'n breu tems no·s melhura,
vengut er al partimen.
 Pero ben es qu'ela·m vensa
a tota sa volontat,
que, s'el'a tort o bistensa,
ades n'aura pietat;
que so mostra l'Escriptura:
causa de bon'aventura
val us sols jorns mais de cen.
Ja no·m partrai a ma vida,
tan com sia saus ni sas,
que pois l'arma n'es issida,
balaya lonc tems lo gras;
e sitot no s'es cochada,
ia per me no·n er blasmada
sol d'eus adenan s'emen.
 Ai, bon'amors encobida,
cors be faihz, delgatz e plas,
frescha chara colorida,
cui Deus formet ab sas mas!
Totz tems vos ai dezirada,
que res autra no m'agrada.
Autr'amor no volh nien!

Dousa res ben ensenhada,
cel que·us a tan gen formada,
m'en do cel joi qu'eu n'aten!

Back Vida Next
barra
map flag Traduzione di Roberto Gagliardi
dell'Accademia Jaufre Rudel
Traduzione:
I.Il tempo va e viene e volge per giorni, per mesi, per anni, ed io, ahimè, non so che dire, perché sempre è uno il mio cuore. Sempre è uno e non muta: una voglio e sempre ho voluta, dalla quale mai ebbi gioia.
II.S'ella non perde per questo il sorriso a me ne viene e duolo e danno, ché mi ha legato a un giuoco in cui ho la peggio due volte (perduto è quell'amore che solo da una parte è serbato) finché non abbia un contraccambio.
III.Ben dovrei biasimare me stesso con ragione, perché mai nacque di madre un uomo che servisse invano così a lungo; e s'ella non mi castiga, presto la mia follia raddoppierà, perché «Lo sciocco non ha paura, finché non è colpito».
IV.Mai più sarò cantore, o della scuola di Ebolo, ché a nulla vale il mio canto, o le mie strofe e le mie musiche, né cosa ch'io faccia o ch'io dica io conosco che mi giovi, ne ci vedo miglioramento.
V.Anche se faccio mostra di gioia ho dentro di me assai irato il cuore. Chi mai vide far penitenza prima del peccato? Più la prego, più crudele verso di me. Ma se in breve tempo non diventa migliore, sarà forza andarsene.
VI.Però è bene ch'ella mi vinca a suo completo arbitrio, ché se è ritrosa a torto presto avrà pietà; che questo mostra la Scrittura: in cose di felicità un giorno solo vale più di cento.
VII.Non mi partirò sin ch'io viva, finché io sia salvo e sano: che quando la spiga è formata per lungo tempo ondeggia il grano; e se non s'è data fretta, mai ne avrà biasimo da me, solo che d'ora innanzi si ravveda.
VIII.Ahi! dolce amore sospirato, corpo ben fatto, delicato e morbido, fresco volto colorito, che Iddio fece con le sue mani! Sempre v'ho desiderata, che nient'altro mi piace. Altri amori non ne voglio punti!
IX.Dolce cosa assai raffinata, colui che v'ha creata così bella me ne doni quella gioia ch'io ne attendo.

barra
Sign Guestbook   Send Email   View Guestbook
barra
Ritorna all'indice dei Troubadours
Ritorna all'indice di
A l'entrada del tens clar
Ritorna alla Home
Vai al sitemap java
Visita il settore Narrativa
barra

This page was created by Duca Lucifero, © 1998-2005
La traduzione è di Roberto Gagliardi.
The gothiquesque set is made by Moyra.
The initcap has derived from the freeware ttf Music Hall.

Logo Moyra Gothiquesque Set Logo Web Designer Duca Lucifero Give Credit Where Credit Is Due - 4.052 bytes
Don't Link Directly to Someone Else's Server - 5.605 bytes Thous Shalt Honor the Artists, Writers and Creatives of this World
  C'è chi può e chi non può...  
  What is Copyright - 4.781 bytes  

Visitors:
Accessi globali
all'intero web
dal 5 dicembre 1996

E-MAIL MESSENGER
Name:
E-mail:
Messaggio al Duca Lucifero


Spazio Web offerto da: