Title

Tant ai mo cor ple de joya
(Bernart de Ventadorn)
Tant ai mo cor ple de joya,
tot me desnatura.
Flor blancha, vermelh' e groya
me par la frejura,
c'ab lo ven et ab la ploya
me creis l'aventura,
per que mos pretz mont' e 'poya
e mos chans melhura.
Tan ai al cor d'amor,
de joi e de doussor,
per que·l gels me sembla flor
e la neus verdura.
 Amar posc ses vestidura,
nutz en ma chamiza,
car fin'amors m'asegura
de la freja biza.
Mas es fols qui·s desmezura,
e no·s te de guiza,
per qu'eu ai pres de me cura,
deis c'agui enquiza
la plus bela d'amor,
don aten tan d'onor,
car en loc de sa ricor
no volh aver Piza!
De s'amistat me reciza!
Mas be n'ai fiansa,
que sivals eu n'ai conquiza
la bela semblansa,
et ai ne a ma deviza
tan de benanansa
que ja·l jorn que l'aura viza,
non aurai pezansa.
Mo cor ai pres d'Amor,
que l'esperitz lai cor,
mas lo cors es sai, alhor,
lonh de leis, en Fransa.
 Eu n'ai la bon'esperansa;
mas petit m'aonda,
c'atressi·m ten en balansa
com la naus en l'onda.
Del mal pes que·m desenansa,
non sai on m'esconda.
Tota noih me vir' e·m lansa
desobre l'esponda:
plus trac pena d'amor
de Tristan l'amador,
que·n sofri manhta dolor
per Izeut la blonda.
Ai Deus! car no sui ironda,
que voles per l'aire
e vengues de noih prionda
lai dins so repaire.
Bona domna jauzionda,
mor se·l vostr'amaire!
Paor ai que·l cors mefonda,
s'aissi·m dura gaire.
Domna, per vostr'amor
jonh las mas et ador!
Gens cors ab frescha color,
gran mal me faitz traire!
 Qu'el mon non a nul afaire
don eu tan cossire,
can de leis au re retraire,
que mo cor no i vire
emo semblan no·m n'esclaire,
que que·m n'aujatz dire,
si c'ades vos er vejaire
c'ai talan de rire.
Tan l'am de bon'amor
que manhtas vetz en plor,
per o que melhor sabor
m'en an li sospire.
Messatgers, vai e cor,
e di·m a la gensor
la pena e la dolor
que·m trac, e·l martire.
Back Vida Next
barra
map flag Traduzione di Roberto Gagliardi
dell'Accademia Jaufre Rudel
Traduzione:
I.Tanto ho il cuore pieno di gioia, che tutto lo trasforma: il gelo mi sembra fiore bianco, rosso e vermiglio, ché con il vento e la pioggia cresce la mia buona sorte; perciò aumenta il mio pregio, s'innalza e migliora il mio canto. Tanto amore ho nel cuore, gioia e dolcezza, che il gelo mi sembra fiore, e la neve verzura.
II.Posso andare svestito, nudo e in camicia, ché l'amore puro mi difende contro il gelido vento. Ma è folle chi va oltre misura e non si mantiene in modo conveniente; perciò mi son preso cura di me, dacché ho amato la più bella, da cui tanto onore attendo, che in cambio del suo amore non vorrei avere Pisa.
III.Dal suo amore m'ha troncato, ma confido, perché almeno ho conquistato il suo bel sembiante; e tanta felicità ho al separarmi da lei, che il giorno che la potrò vedere non proverò tristezza. Ho il cuore preso d'amore e ad esso il mio spirito corre, ma il corpo è qui, altrove, lungi da lei, in Francia.
IV.Ho buona speranza, ma poco mi giova, perché mi fa oscillare, come la nave nell'onda. Per la tristezza che mi abbatte, non so dove rifugiarmi. Tutta la notte mi rivolto e mi spingo sulla sponda del letto; più soffro d'amore di Tristano, l'amante, che tanto dolore sopportò per Isotta la bionda.
V.Ah, Iddio! perché non sono rondinella che volasse nell'aria e entrasse, nella notte profonda, nella sua stanza. Signora buona, gioiosa, muore il vostro amante! Temo che il cuore mi si strugga, se troppo resiste. Madonna, per amor vostro giungo le mani e vi adoro. Gentil corpo dai freschi colori, grande dolore mi fate soffrire.
VI.Non v'è cosa al mondo che tanto mi preoccupi, come quando odo dire qualcosa di lei, sì che il cuore non vi si rivolga e il mio volto non si illumini; qualsiasi cosa mi ascoltiate dire, vi sembrerà sempre che io ho voglia di ridere. Tanto l'amo d'amore sincero che talora piango perché migliore sapore hanno per me i sospiri.
VII.Messaggero, vai e corri e dì alla più bella la pena e il dolore che soffro e il mio tormento.

barra
Sign Guestbook   Send Email   View Guestbook
barra
Ritorna all'indice dei Troubadours
Ritorna all'indice di
A l'entrada del tens clar
Ritorna alla Home
Vai al sitemap java
Visita il settore Narrativa
barra

This page was created by Duca Lucifero, © 1998-2005
La traduzione è di Roberto Gagliardi.
The gothiquesque set is made by Moyra.
The initcap has derived from the freeware ttf Music Hall.

Logo Moyra Gothiquesque Set Logo Web Designer Duca Lucifero Give Credit Where Credit Is Due - 4.052 bytes
Don't Link Directly to Someone Else's Server - 5.605 bytes Thous Shalt Honor the Artists, Writers and Creatives of this World
  C'è chi può e chi non può...  
  What is Copyright - 4.781 bytes  

Visitors:
Accessi globali
all'intero web
dal 5 dicembre 1996

E-MAIL MESSENGER
Name:
E-mail:
Messaggio al Duca Lucifero


Spazio Web offerto da: