Title

No es meravelha s'eu chan
(Bernart de Ventadorn)
No es meravelha s'eu chan
melhs de nul autre chantador,
que plus me tra·l cors vas amor
e melhs sui faihz a so coman.
Cor e cors e saber e sen
e fors' e poder i ai mes;
si·m tira vas amor lo fres
que vas autra part no·m aten.
 Ben est mortz qui d'amor no sen
al cor cal que dousa sabor;
e que val viure ses valor
mas per enoi far a la gen?
Ja Domnedeus no·m azir tan
qu'eu ja pois viva jorn ni mes,
pois que d'enoi serai mespres
ni d'amor non aurai talan.
Per bona fe e ses enjan
am la plus bel' e la melhor.
Del cor sospir a dels olhs plor,
car tant l'am eu, 'per que i ai dan.
Eu que·n posc mais, s'amors me pren
e la charcers en que m'a mes,
no pot claus obrir mas merces,
e de merce no i trop nien?
 A quest'amors me fer tan gen
al cor d'una dousa sabor:
cen vetz mor lo jorn de dolor
e revieu de joi autras cen.
Ben es mos mals de bel semblan,
que mais val mos mals qu'autre bes;
e pois mos mals aitan bos m'es,
bos er lo bes apres l'afan.
Ai Deus! car se fosson trian
d'entre·ls faus li fin amador.
e·lh lauzenger e·lh trichador
portesson corns el fron denan!
Tot l'aur del mon e tot l'argen
i volgr'aver dat, s'eu l'agues,
sol que ma domna conogues
aissi com eu l'am finamen.
 Cant eu la vei, be m'es parven
als olhs, al vis, a la color,
car aissi tremble de paor
com fa la folha contra·l ven.
Non ai de sen per un efan,
aissi sui d'amor entrepres;
e d'ome qu'es aissi conques,
pot domn'aver almorna gran.
Bona domna, re no·us deman
mas que·m prendatz per servidor,
qu'e·us servirai com bo senhor,
cum que puois del gazardo m'an.
Ve·us m'al vostre comandamen,
francs cors umils, gais e cortes!
Ors ni leos non etz vos ges,
que·m aucizatz, s'a vos me ren.
 A mo Cortes, lar on ilh es,
tramet lo vers, e ja no·lh pes
car n'ai estat tan lonjamen.
Back Vida Next
barra
map flag Traduzione di Roberto Gagliardi
dell'Accademia Jaufre Rudel
Traduzione:
I.Non è meraviglia s'io canto meglio d'ogni altro cantore, ché più fortemente mi attrae il cuore verso amore, e migliore son fatto al suo comando: cuore e corpo, conoscenza e senno, forza e potere vi ho messo, e tanto il freno mi trascina verso amore che a nessun'altra parte mi rivolgo.
II.È ben morto chi nel cuore non sente qualche dolce sapore dell'amore. E che vale vivere senza pregio se non per dare noia alla gente? Il signore Iddio non mi odi tanto, ch'io sopravviva un giorno o un mese, dopo che sarò biasimato per la mia tristezza e più non avrò desiderio d'amore.
III.Con pura fede e senza inganno amo la più bella e la migliore; dal cuore sospiro e dagli occhi piango, ché tanto l'amo che ne ho pena. Che Posso io fare, se amore m'imprigiona e il carcere in cui m'ha chiuso nessuna chiave può dischiudere, se non pietà, e di pietà non ne trovo punta?
IV.Quest'amore tanto soavemente mi ferisce il cuore d'un dolce piacere: cento volte al giorno muoio di dolore, e altre cento rinasco di gioia. Eppure il mio male è bello, e più vale la mia pena che l'altrui gioia: perciò se il mio male mi fa tanto bene, bella sarà la felicità dopo.
V.O Dio! Fossero distinti fra loro i perfetti dai falsi amanti e i seduttori portassero le corna in fronte! Tutto l'oro del mondo e tutto l'argento vorrei aver dato, se l'avessi, solo che la mia donna sapesse come io l'amo di puro amore.
VI.Quando la vedo, ben mi si legge negli occhi, nei viso, nel colore, perché così tremo di paura, come fa la foglia al vento. Non ho senno per un bimbo, tanto sono sopraffatto dall'amore: d'uomo così vinto (d'amore) può bene una donna avere grande pietà.
VII.Buona signora, non altro vi chiedo che mi prendiate come servo ed io vi servirò come buon signore, qualunque ne sia la ricompensa. Eccomi al vostro comando, sincero umile cuore, lieto e gentile. Orso non siete certo né leone, che mi uccidiate, se a voi mi rendo.
VIII.Al mio Cortese, laggiù dove sta, invio la canzone, e non gli rincresca se ne sono rimasto tanto lontano.

barra
Sign Guestbook   Send Email   View Guestbook
barra
Ritorna all'indice dei Troubadours
Ritorna all'indice di
A l'entrada del tens clar
Ritorna alla Home
Vai al sitemap java
Visita il settore Narrativa
barra

This page was created by Duca Lucifero, © 1998-2005
La traduzione è di Roberto Gagliardi.
The gothiquesque set is made by Moyra.
The initcap has derived from the freeware ttf Music Hall.

Logo Moyra Gothiquesque Set Logo Web Designer Duca Lucifero Give Credit Where Credit Is Due - 4.052 bytes
Don't Link Directly to Someone Else's Server - 5.605 bytes Thous Shalt Honor the Artists, Writers and Creatives of this World
  C'è chi può e chi non può...  
  What is Copyright - 4.781 bytes  

Visitors:
Accessi globali
all'intero web
dal 5 dicembre 1996

E-MAIL MESSENGER
Name:
E-mail:
Messaggio al Duca Lucifero


Spazio Web offerto da: