Title

No sap chantar qui·l son no di
(Jaufre Rudel de Blaja)
Non sap chantar qui·l son no di,
ni vers trobar qui motz no fa,
ni conois de rima co·s va
si razo non enten en si.
Mas lo mieus chans comens'aissi,
com plus l'auzirets, mais valra, a, a.
 Nulhus hom no·s meravilh de mi,
s'ieu am so que ja no·m veira,
que·l cor joi d'autr'amor non a
mas de cela qu'ieu anc no vi;
ni per nulh joi aitan no ri,
e no sai quals bes m'en venra, a, a.
Colps de joi me fer, que m'ausi,
e ponha d'amor que·m sostra
la carn, don lo cors magrira;
et anc mai tan greu no·m feri,
ni per nulhs colp tan no langui,
quar no cove ni no s'esca, a, a.
 Anc tan suau no m'adurmi
mos esperitz tost no fos la,
ni tan d'ira non ac de sa
mos cors ades no fos aqui;
mais quan mi resvelh al mati
totz mos bos sabers mi desva, a, a.
Ben sai c'anc de lei no·m jauzi,
ni ja de mi no·s jauzira,
ni per son amic no·m tenra
ni coven no·m fara de si;
anc no·m dis ver ni no·m menti
e non sai si ja so fara, a, a.
 Bos es lo vers, qu'anc no·i falhi,
et tot so que·i es ben esta;
e sel que de mi l'apenra
gart se no·l franha ni·l pessi;
car si l'auran en Caersi
En Bertrans e·l coms en Tolza, a, a.
Bos es lo vers, e feran hi
qualque re, don hom chantara, a, a.
Back Vida Next
barra
map flag Traduzione di Roberto Gagliardi
dell'Accademia Jaufre Rudel.
Versione metrica:

Cantar non può chi melodia fuggì,
nè versi dir chi le parole dà
disordinate e rime far non sa:
mai la ragione in se costui capì.
Perciò comincia il canto mio così,
e più che l'udirete, e più varrà,
 ah, ah.
 
Nessuna meraviglia sia costì
s'amo colei che mai non mi vedrà,
che d'altr'amore il cuor gioia non ha
se non da quella ch'io mai vidi qui:
altra letizia mai non m'abbellì
e non so quale ben me ne verrà,
 ah, ah.
 
Mi piaga e uccide il ben che mi colpì,
fitta d'amor che tutta ghermirà
la carne e il corpo tutto smagrirà;
sì forte mai nessuno mi ferì,
nè per un colpo il corpo sì languì
che non è giusto nè bene sarà,
 ah, ah.
 
Soave sonno mai qui mi si offrì
che l'animo non fosse presto là,
nè così grande pena a me fu qua
ch'io non volassi rapido fin lì,
e quando mi risveglio al nuovo dì
tutto il piacere se ne fugge e va,
 ah, ah.
 
So ben che lei goder non mi sortì,
e che di me goder lei non potrà,
di sè promessa a me mai non darà,
nè a me come a suo amico dirà sì:
mai disse il vero a me nè mai mentì,
e non so dir se mai lei lo farà,
 ah, ah.
 
È bello il canto, senza error finì,
e quel che c'è di certo ben ci sta;
di quel che ora da me lo apprenderà
si possa dir che mai spezzarlo ardì;
così a messer Bertrando nel Quercy
e al conte di Tolosa giungerà,
 ah, ah.
 
È bello il canto di chi fare ambì
un qualche cosa che si canterà.
 

barra
Sign Guestbook   Send Email   View Guestbook
barra
Ritorna all'indice dei Troubadours
Ritorna all'indice di
A l'entrada del tens clar
Ritorna alla Home
Vai al sitemap java
Visita il settore Narrativa
barra

This page was created by Duca Lucifero, © 1998-2005
La versione ritmica è di Roberto Gagliardi.
The gothiquesque set is made by Moyra.
The initcap has derived from the freeware ttf Music Hall.

Logo Moyra Gothiquesque Set Logo Web Designer Duca Lucifero Give Credit Where Credit Is Due - 4.052 bytes
Don't Link Directly to Someone Else's Server - 5.605 bytes Thous Shalt Honor the Artists, Writers and Creatives of this World
  C'è chi può e chi non può...  
  What is Copyright - 4.781 bytes  

Visitors:
Accessi globali
all'intero web
dal 5 dicembre 1996

E-MAIL MESSENGER
Name:
E-mail:
Messaggio al Duca Lucifero


Spazio Web offerto da: